CHI SONO

Mi chiamo Ketty Dalla Valle. Ho vissuto fino a sedici anni in una piccola contrada di Altissimo, nell’alta Valle del Chiampo.

 

Sono cresciuta, oserei dire, allo stato brado! Ho vissuto immersa nella natura e in compagnia degli animali: i miei nonni erano contadini, avevano la stalla con le mucche, orti di ogni tipo e boschi, mi piaceva condividere le giornate con loro e gli animali. 

 

In me è ben radicato il senso della tradizione e del suo valore, del rispetto verso ciò che la natura ci offre e soprattutto verso gli animali, con cui trascorro da sempre molto tempo della mia vita.

UN LUPO PER AMICO

I cani sono sempre stati parte integrante della mia vita... il mio primo fu un cane lupo che mio nonno portò con sé dalla Francia, con il quale mi rapportavo, nel mio piccolo, senza paura o pregiudizi. Fu amore a prima vista.
Dopo molti anni Lupo ci abbandonò e, dopo poco, arrivò nella nostra famiglia Rocky: un meticcio stupendo, color albicocca, che divenne ben presto la mia ombra.

Un sacco di avventure ci hanno accompagnato e, ripensandoci, mi rendo conto di quanta pazienza abbiano avuto questi cani nei miei confronti: non avevo né le competenze né le conoscenze attuali, per comunicare o leggere quello che i cani cercavano di dirmi. Rocky ha sopportato manipolazioni errate e l’irruenza di una bambina vivace, ma che gli ha voluto davvero tanto bene.

Poi fu adottato Briciola, uno yorkshire piuttosto mordace che però non venne risparmiato alle mie cure ed infine mi raggiunse Leo: lui ha un posto speciale, mi regalò un rapporto di vera amicizia durato 14 anni. 

UNA PARTE DI ME...

Leo è stato parte di me, la mia metà, ed è proprio con lui che ho iniziato a maturare l’idea che il cane è davvero un elemento indicibile: ti parla, ti consola, ti protegge, ti ama. Ho iniziato a sviluppare, grazie al mio rapporto con Leo, un senso di insofferenza verso chi non ha rispetto per i cani, verso chi li rifiuta.

Alla morte di Leo ho attraversato un periodo piuttosto difficile durante il quale non riuscivo più a concepire l'idea di poter vivere ancora con altri cani; il dolore per la perdita di Leo è stato enorme e tutt’ora mi scendono le lacrime quando ripenso a lui.

Dopo qualche anno, però, è arrivato, quasi per caso, Lucky: quello che è adesso il volpino coccolone di casa, ormai compagno di vita dei miei figli. Tra loro si è via via consolidato un rapporto stupendo, basato sul rispetto e sulla stima reciproca.

L'ARRIVO DI MAYA

Un giorno, mentre frequentavo una giornata teorico-pratica di sheepdog, ho conosciuto Maya. Una stupenda Border Collie Smooth che mi ha travolto con il suo entusiasmo di cucciola e il suo sguardo profondo. Era assieme alla sua mamma e agli altri cuccioli quando all’improvviso me la sono ritrovata in braccio!

Cercai di ignorare la cosa ma quando successe per la seconda volta, iniziai a pensare che fosse un segno... e fu così che Maya, dopo qualche giorno, venne a casa con me!

... E DI DARK

Ad Agosto 2018 l'attrazione per il lupo, presente in me fin da bambina, si è nuovamente manifestata con l'arrivo in famiglia di Dark. Ci sarebbe talmente tanto da dire su di lui che ogni parola scritta non gli renderebbe onore.

Dark mi ha permesso un ritorno all'infanzia, pur con delle nuove competenze, una rinnovata responsabilità e, certamente, un'altra età. Vivere con Dark e le sue infinite sfumature, mi ha permesso di apprezzare tutti gli aspetti di questa affascinante razza; aspetti che per altro hanno contribuito anche a farmi evolvere e crescere come educatrice.

Averlo in casa mi ha fatto riemergere la voglia di saperne di più sul cane lupo: ho iniziato quindi a frequentare dei corsi specifici per perfezionarmi ed aiutare le persone che desiderano vivere con un cane così particolare.

Ad oggi vivo con la mia famiglia, una border, un cane lupo cecoslovacco ed anche una micia albina… ma questa è un’altra storia!

UN SOGNO CHE SI REALIZZA!

Ho lavorato vari anni come impiegata, ma era un lavoro che dentro di me non ho mai sentito mio: mancava la soddisfazione, mancavano i cani! Provavo una sensazione di soffocamento ogni giorno sempre più forte e impossibile da ignorare.

Ho quindi deciso di seguire quello che il cuore mi diceva da anni: mi sono affidata al mio istinto, alla mia predisposizione naturale di essere circondata da animali e di interagirci, alla mia determinazione.

Formandomi prima come operatrice, poi educatrice cinofila e per ultimo come istruttrice esperta nel recupero comportamentale, ho iniziato la mia avventura in questo sorprendente mondo.

I miei due bambini, sono stati la molla per perseguire anche la qualifica di operatore di zoo-antropologia didattica. Osservando il loro positivo modo di interagire con tutti gli animali, le domande che riescono a porre guardando la natura; a quanto imparano già solo osservando e soprattutto a quante emozioni riescono a provare tramite il contatto con un animale e all’apertura emozionale che ne consegue... ho desiderato dedicare parte del mio percorso alla didattica: il mio obiettivo è insegnare ai bambini l'importanza della diversità, diffondendo una maggiore educazione attraverso la relazione stessa che con un animale i bambini possono instaurare. É un qualcosa che mi arricchisce di continuo.

Questa è certamente la mia strada, consapevole che sarà un continuo accumularsi di esperienze, conoscenze, crescita e studio ma...

... un sogno che finalmente si è realizzato!

TORNA SU
Contattaci su Whatsapp
Invia su WhatsApp